• BIG XMAS DEALZ!
    OTTIENI GRANDI PERCENTUALI
    SU TUTTO IN NEGOZIO!
  • 15% 50-100€ CODE: XMAS15
    20% 100-200€ CODE: XMAS20
    25% DA 200 € CODE: XMAS25
Nuovi stili ogni settimana
Spedizione gratuita da 50 €
Selezione superiore di cappucci e maglie
Ha qualche domanda? Visita il nostro helpdesk

Cincinnati Reds Caps

I cappellini dei Cincinnati Reds sono apprezzati da chi li indossa per due motivi: da un lato, offrono un logo semplice con il semplice logo C e, dall'altro, hanno un logo molto accattivante con il giocatore dei Reds con una testa da baseball e baffi grassi. C'è qualcosa per tutti.

Chiudi filtri
 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Da 2
Nessun risultato trovato per il filtro!
1 Da 2

La strada verso la prima vittoria del campionato

Il nome Reds deriva dai calzettoni rossi che i giocatori indossavano all'epoca. Quando la squadra è stata fondata, si chiamava Red Stockings. Tuttavia, il nome fu abbreviato in Reds nel 1890. Agli esordi, la squadra ha giocato solidamente nei quartieri alti. Anche se non hanno raggiunto i playoff, le loro prestazioni sono state generalmente sufficienti per un posto nella parte alta della classifica. Fu nel 1919 che i Cincinnati Reds attirarono per la prima volta l'attenzione. Con un record di 99 vittorie nella stagione regolare, la squadra vinse la National League e si qualificò per le World Series. Lì hanno sconfitto i Chicago White Sox e hanno vinto il loro primo campionato nazionale. Tuttavia, senza alcuna colpa, la prestazione dei Reds è passata in secondo piano. L'argomento principale della conversazione è stato lo scandalo dei Black Sox, causato dai giocatori dei Chicago White Sox.

Grande Macchina Rossa

Ci vorrà fino al 1940 prima che i Reds vincano un'altra World Series. Una vittoria per 4-3 sui Detroit Tigers li ha portati a sollevare nuovamente il trofeo. La prima metà degli anni '70 è stata probabilmente la più grande epoca dei Cincinnati Reds. Guidata dalle leggende dei Reds Johnny Bench, Joe Morgan, Tony Perez e Pete Rose, la squadra ha partecipato a quattro World Series in sette anni. Ciò valse ai Reds il nome di Big Red Machine. Durante questo periodo, ha vinto la National League West Division per un totale di cinque volte e da allora è considerata una delle migliori squadre della storia della Major League Baseball. Sebbene i Reds siano stati sconfitti nelle loro prime due apparizioni in finale, nel 1970 e nel 1972, ciò non ha impedito loro di trionfare sui Boston Red Sox nel 1975 e di conquistare nuovamente il titolo nel 1976 con uno sweep sui New York Yankees. Gli anni '70 sono stati l'epoca dei Reds. Nei decenni successivi, la squadra avrebbe fatto solo un'altra apparizione alle World Series. Ma i Reds hanno sfruttato al meglio quell'unica apparizione. Hanno sconfitto gli Oakland Athletics con uno sweep e hanno vinto il loro quinto titolo. Da allora, i Cincinnati Reds hanno raggiunto la postseason altre volte. Ma non è stato sufficiente per le World Series.

Tra lo skyline e il fiume

I Reds hanno festeggiato i loro primi grandi successi al Riverfront Stadium, uno stadio polifunzionale. Nel 2003, dopo tre anni di costruzione, è stato inaugurato il Great American Ballpark, dedicato esclusivamente al baseball. È situato in posizione centrale nel centro di Cincinnati e si affaccia sul fiume Ohio. Il campo da gioco ospita circa 43.000 spettatori. Il panorama vale la pena di essere visto praticamente da tutti gli stand. Mentre i tifosi possono vedere lo skyline di Cincinnati dalle gradinate, le tribune interne si affacciano sul fiume Ohio. Una caratteristica particolare del campo da gioco sono le due ciminiere, simbolo dei battelli a vapore. Forniscono l'atmosfera durante le vittorie e i fuoricampo. All'interno e intorno allo stadio è presente la C nei colori rosso e bianco della squadra, che incornicia le altre lettere del nome della squadra. Questa C è visibile anche sui cappellini ufficiali da campo durante le partite. Un altro logo altrettanto popolare raffigura un giocatore con una palla da baseball al posto della testa e un paio di baffi ben evidenti. L'importanza di un buon sistema di fattorie è un aspetto che nessuna franchigia può valutare meglio dei Reds. Giocatori come Pete Rose, Tony Perez, Johnny Bench, tutti protagonisti degli anni '70, provenivano dalla loro stessa formazione. Trovare e sviluppare nuovamente questi giocatori è il compito delle squadre minori dei Cincinnati Reds, i Louisville Bats, i Chattanooga Lookouts, i Dayton Dragons e i Daytona Tortugas.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RISPARMIA IL 10%:
Seguici